in

Cattolica, soci pro-Minali verso 2,5%

(ANSA) – MILANO, 2 DIC – I soci di Cattolica che contestano al Cda il siluramento dell’ad Alberto Minali stringono le fila per chiedere la convocazione di un’assemblea che metta ai voti, in sede ordinaria, la revoca del Cda e, in sede straordinaria, una modifica dello statuto che, senza toccare la forma cooperativa, modernizzi la governance della compagnia.
    Il professore Francesco Brioschi e l’ad di Banor Sim, Massimiliano Cagliero, a quanto si apprende, stanno raccogliendo il 2,5% del capitale necessario per convocare l’assemblea stringendo una serie di accordi di prestito titoli a favore di Sofia Holding, che dispone direttamente di circa lo 0,7% del capitale. “Il nostro scopo è cambiare le cose”, si limita a dire Brioschi, contattato dall’ANSA, confermando di essere “in contatto con società che ci hanno garantito un prestito titoli”.
    (ANSA).
   

Fondazione Cini, 46 convegni e 20 concerti nel 2020

Scorsese, non guardate The Irishman sullo smartphone