in

Ocse rilancia web tax, proposta per soluzione in 2020

L’Ocse rilancia la web tax, annunciando una proposta ad hoc che verrà presentata al G20 la prossima settimana. Mira ad “assicurare che i grandi e assai redditizi gruppi multinazionali, incluse le società digitali, paghino le tasse dovunque abbiano significativi legami diretti con i consumatori e generino i loro profitti”. “Il mancato raggiungimento di un accordo entro il 2020 – ha affermato il segretario OCSE Angel Gurria – aumenterebbe notevolmente il rischio che i paesi agiscano unilateralmente, con conseguenze negative su un’economia globale già fragile”.

Amazon accoglie con favore la proposta defindendola “un importante passo in avanti. “Continuiamo a sostenere attivamente e contribuiamo al lavoro dell’Ocse per raggiungere una soluzione basata sul consenso”, aggiunge Amazon sottolineando che “raggiungere un ampio accordo internazionale sulle modifiche ai principi fiscali internazionali fondamentali è cruciale per limitare il rischio di doppia tassazione e misure unilaterali distorsive e creare un ambiente che favorisca la crescita del commercio globale, che è vitale per i milioni di clienti e venditori che Amazon supporta nel mondo”.
   

Siria:iniziata operazione militare turca

Cena gratis grazie a follower, nuova app